Categorie
AI NASDAQ News

Le azioni americane raggiungono nuovi massimi in vista dei rapporti sull’inflazione

Il mercato azionario statunitense ha vissuto una giornata mista lunedì, con il Dow Jones Industrial Average che ha raggiunto un nuovo massimo di 52 settimane, mentre il Nasdaq è sceso dopo aver raggiunto un risultato significativo. Gli investitori hanno puntato gli occhi sui prossimi rapporti sull’inflazione che potrebbero influenzare la politica della Federal Reserve.

Il Dow Jones ha aperto la giornata a 38.656,76 e ha raggiunto un nuovo massimo di 52 settimane a 38.927,08. Nonostante l’ottimismo, l’indice delle 30 principali aziende ha chiuso con modesti guadagni di 125,69 punti, pari allo 0,33 percento, a 38.797,38.

D’altra parte, il Nasdaq, fortemente influenzato dal settore tecnologico, ha aperto a 15.980,62 e ha raggiunto un nuovo record a 16.080,07 prima di invertire la tendenza. Alla fine della giornata è sceso a 15.942,54, registrando una perdita di 48,12 punti, corrispondente allo 0,30 percento.

Analogamente, l’indice S&P 500 ha registrato un calo dopo aver raggiunto un massimo di 52 settimane a 5.048,39. Ha chiuso in ribasso di 4,77 punti, corrispondenti allo 0,095 percento, a 5.021,84.

Gli operatori stanno aspettando con impazienza la pubblicazione dell’Indice dei prezzi al consumo (CPI) e dell’Indice dei prezzi alla produzione (PPI) di gennaio, che forniranno indicazioni sui livelli attuali di inflazione. Questi rapporti avranno un ruolo cruciale nel plasmare le aspettative per possibili riduzioni dei tassi di interesse.

Oltre ai dati sull’inflazione, il mercato riceverà anche aggiornamenti sulla produzione industriale, sulle vendite al dettaglio e sul sentiment preliminare dei consumatori dell’Università del Michigan. Questi indicatori contribuiranno ulteriormente alla valutazione complessiva della salute dell’economia statunitense.

Nonostante il mercato azionario continui a mostrare resilienza e a raggiungere nuovi massimi, gli investitori stanno monitorando da vicino le pressioni inflazionistiche e il potenziale impatto sulle decisioni di politica monetaria. I prossimi dati forniranno informazioni preziose che potranno ulteriormente orientare le strategie di investimento nei prossimi mesi.